Traveldiscount.it: Tour Città imperiali del Marocco da incubo

Buongiorno Morena (interlocutrice dell’azienda, nrd),

le scrivo in merito al tour delle città imperiali che abbiamo da voi acquistato (29/12 05/01). Ci sentiamo in dovere, di presentarle "due" note sulle non conformità.

Hotel Campaville

Di categoria forse due stelle… ci hanno riservato un trattamento indecente a dir poco!!

Camere fredde, acqua fredda, niente saponette, (per avere una saponetta dopo aver chiesto almeno 3 volte ci siamo dovuti recare personalmente alla reception ed ovvimente ci hanno detto che avrebbero provveduto subito, con i loro tempi… e ci hanno portato a mano UNA saponetta UNA!!)

La tenda della doccia aveva almeno 15 cm di muffa! per non parlare dei capelli degli ospiti precedenti sparsi veramente in ogni dove!

Veniamo al buffet… la stanza dedicata a questo servizio era costantemente GELIDA!! Il cibo SEMPRE lo stesso!! 2 tipi di verdure crude, un vassoio di rape cotte una pentola con della pasta ed una pentola con della carne.. frutta OPPURE dolce..

Un giorno al rientro da un’escursione ci siamo ritrovati un piatto di timballo di verdure (residuo della sera precedente) tutto completamente FREDDO e senza sapore!! Questa volta non avevamo neppure la possibilità di scelta tra la frutta ed il dolce erano stati esclusi entrami!! Unica opportunità: uscire dall’albergo e trovare una soluzione c/o altra struttura!

La cosa ha fatto scaturire l’ira di tutto il gruppo!! L’indignazione è stata continuamente denunciata alla guida ed al responsabile di zona senza però ottenere grandi cambiamenti!!!

Anche perchè, nonostante tutte le ns lamentele, e richieste di cambio albergo alla fine del tour ci hanno di nuovo scaricato nello stesso "albergo" per l’ultima notte prima di lasciare il paese!!

Di 7 notti 4 le abbiamo trascorse in queste condizioni da terzo mondo!!

Conseguenza: febbre, mal di gola e tosse per quasi tutto il gruppo!!!

Mezzi di trasporto

Durante il trasferimento a Casablanca e rientro ha piovuto durante tutto il viaggio, fuori ma in particolare DENTRO la ns corriera!! Non stiamo parlando di condensa, ma di rigoli di acqua che hanno reso inutilizzabile alcune delle poltrone ed il totale appannamento dei vetri con la conseguente impossibilità di poter godere ALMENO del panorama! Non parliamo dell’odore creato dall’umidità.

Spostamenti lunghissimi 460 km in 12 ore!! di 8 gg 3 li abbiamo trascorsi in corriera!! il massimo della velocità era di 60 km/h!! tutte le altre ci hanno superati e DIMENTICATI!!

Guida

Forse anche preparata, ma la  frase era sempre la stessa "non mi interrompete per cortesia le domande alla fine grazie" MA STIAMO SCHERZANDO???!! non siamo mica alle elementari!!! La sua primaria preoccupazione è stata quella di raccogliere 15 euro a TESTA per la mancie.. da dare ai facchini… 405 euro!!  (per poi scoprire che l’autista della corriera non rientrava in questo previligio!!) e di portarci nei soliti negozi "spenna polli" dove si è sprecato considerevole tempo che poteva essere dedicato alla visita di cose di certo più meritevoli, senza contare che questo ha comportato anche la mancata visita di Rabatt città splendida ma vista solo attraverso di vetri appannati di una corriera degli anni sessanta!!

Ristoranti

Menu fisso e solito.. ma il problema è sempre stato il freddo, sempre sempre freddo!! Bagni spesso impraticabili!

Capodanno con musica locale e alle 0.30 ci hanno fatto levare le tende!! (alcuni dei ns anche contento considerata le temperatura del locale)

Scusate ma quanto sopra non corrisponde a quanto abbiamo acquistato dalla Vs società!!

Il viaggio prevedeva un trattamento in pensione completa in Hotel di 4 stelle e considerato l’importo pagato (2.940,00 e a coppia!!!)  tutto con un buon livello di trattamento!!!

Pertanto con la presente vi chiediamo  rimborso pari almeno al 60%  dell’importo totale del viaggio, che corrisponde non solo ai disagi subiti, ma anche ad una vacanza completamente rovinata da malesseri fisici causati da quanto descritto sopra.

Alla presente seguirà regolare raccomandata

Distinti saluti

Roberta Sartori
Stefano Borsato