Bracciano, il castello ed i fuochi d’artificio privati

Io sott. Fiorenza Rossetto, abitante a Bracciano espongo quanto segue:

La notte di domenica 15 giugno u.s., dopo le ore 23.00, sono stata svegliata di soprassalto  dallo scoppio di fuochi d’artificio provenienti dal castello soprastante. Il rumore, simile a un bombardamento della durata di circa 20 minuti, ha provocato lo spostamento d’aria, facendo tremare i vetri della mia abitazione e ha fatto scappare terrorizzati i miei due cani che vivono nel giardino, i quali sono stati ritrovati dopo una ricerca effettuata durante la notte.

Inoltre, circa due settimane fa, in seguito a una situazione analoga, sono caduti dagli alberi del mio giardino due nidi con altrettanti uccellini implumi, ritrovati a terra morti la mattina seguente.

Faccio presente che, dovendomi alzare intorno alle ore 6.00 per recarmi al lavoro,  l’attività pirotecnica mi sveglia nel primo sonno, costringendomi a rimanere sveglia per gran parte della notte, prima di potermi riaddormentare, provocandomi crisi di tachicardia.

Chiedo pertanto se sia giustificato l’uso così frequente dei fuochi d’artificio per fini prettamente privati e in ore destinate al riposo.
Ricordo che i cittadini che abitano indicativamente nell’area compresa tra via S.Celso e via di Pontevecchio, ne sono pericolosamente condizionati, a causa della conformazione della zona che fa da cassa di risonanza agli scoppi.

Nella suddetta area, che interessa anche la mia abitazione,  sono presenti
inoltre serbatoi di gasolio e di GPL che spesso vengono sfiorati dai residui
incandescenti dei fuochi in questione.

Desidero far notare anche la vicinanza del parco regionale dove le specie animali protette non hanno tutela, soprattutto nei mesi della riproduzione, subiscono danni irreversibili, mentre la fuga di animali impauriti, domestici e non, è causa di pericolo e di incidenti stradali.

Il ripetuto inquinamento acustico, procurato ai residenti senza essere preannunciato, provoca bruschi risvegli e insonnie prolungate. L’aria è sempre più inquinata dalle enormi quantità di polveri sottili velenose derivate dalla combustione dei fuochi.

I fuochi d’artificio sono sicuramente belli ed emozionanti, se sottolineano un evento veramente unico e importante. Vederli  e sentirli ogni sei o sette giorni, a volte anche 2 volte nella stessa notte,  toglie loro  la particolarità della manifestazione (che peraltro nella fattispecie è prettamente destinata agli ospiti paganti del castello) e non riguarda gli abitanti di Bracciano.        

Perciò, vista l’ ormai sempre più frequenza di questo genere di manifestazioni chiedo:

  • se è stata effettuata la Valutazione d’ Incidenza Ambientale per la manifestazione suddetta e per quelle a venire,  e che esito ha avuto; quali
    sono le valutazione effettuate dalle autorità competenti preposte a fornire
    le autorizzazioni.
  • Di rendere pubblico con largo anticipo il calendario degli spettacoli pirotecnici che saranno effettuati all’interno del territorio comunale,  da qualsiasi soggetto ne riceva autorizzazione.
  • Inoltre chiedo che si provveda a identificare siti più idonei e che si riducano le autorizzazioni per questo tipo di spettacolo ormai inflazionato e ripetitivo, ai soli eventi nei quali sia dimostrato il carattere eccezionale.

Per il rispetto degli abitanti, dei loro ospiti e dei turisti.

In attesa di un sollecito riscontro, porgo distinti saluti.

Fiorenza Rossetto

Riceviamo dalla Signora, ulteriori precisazioni che volentieri pubblichiamo:

Vorrei aggiungere altri particolari, focalizzando il problema anche su questi punti:
1)  Che il gravissimo problema coinvolge indiscriminatamente tutti gli abitanti, compresi bambini, anziani e chiunque abbia problemi di salute.
2) che Bracciano e il lago omonimo sono meta di turisti in cerca di relax, quasi sempre interessati a visitare Roma, senza vivere nel caos della capitale.
3) Che  a Bracciano,  si è sviluppato un notevole mercato immobiliare residenziale, che andrebbe penalizzato se coloro che decidono di comperare casa qui, fossero a conoscenza del grave handicap che li attende.

Sto per raccogliere le firme di vicini di casa e di tutti gli abitanti esasperati. Purtroppo qui si respira una mentalità di sudditanza nei riguardi del castello Odescalchi, come se fossimo ancora nel Medioevo.

Vorrei sottoporvi questo testo da far firmare e vi sarei grata di qualsiasi suggerimento e consiglio

Al Comune di Bracciano:

I cittadini chiedono che venga applicata e fatta rispettare la legislazione inerente l’uso dei fuochi d’artificio, da autorizzarsi in via eccezionale e previa:
1) verifica dell’incidenza di impatto ambientale (inquinamento acustico, inquinamento atmosferico, tutela della fauna selvatica nel Parco dei Laghi di Bracciano e Martignano, nonché degli animali domestici);
2) Tutela delle norme di sicurezza relative al rischio di incendi ed esplosioni nelle aree interessate dai serbatoi di gasolio/GPL.
3) tutela della tranquillità dei cittadini nelle ore del riposo notturno (in particolare bambini, anziani e persone con problemi di salute) e di chiunque  soggiorni a Bracciano, abitante o turista.
4) pubblicazione del calendario delle manifestazioni pirotecniche reso pubblico con largo anticipo.

Seguono firme:
Nome e cognome, indirizzo, firma.