Da ieri i consumatori acquistano al buio

Dal 26 giugno u.s. è in vigore il decreto legge 112 del 25 giugno 2008 “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”  o “Finanziaria triennale”.

Tale provvedimento, tra l’altro, dispone all’art. 34 il trasferimento delle funzioni esercitate dagli uffici metrici dalle camere di commercio ai comuni.

Invece di semplificare si complica.

Le verifiche metriche saranno svolte non piu’ dai 107 uffici metrici provinciali delle camere di commercio ma da ben 8101 comuni d’Italia!!!

Da ieri è il caos! Il decreto è in vigore e gli uffici metrici non possono eseguire nessun tipo di verifica.

I comuni ci metteranno anni per recepire le competenze a loro trasferite.

Intanto niente verifiche a tutela del consumatore.

Da ieri non si fanno piu’  i controlli delle pompe presso i distributori di carburanti,  delle bilance presso negozi e supermercati, dei preimballaggi,delle cabine del metano, dei cronotachigrafi, dei metalli preziosi, ecc. ecc.

…e forse non si faranno per anni!

Oltre al danno per le camere di commercio che hanno investito molto denaro pubblico per la formazione del personale metrico e per l’acquisto delle attrezzature atte ad effettuare le verifiche, il danno maggiore lo subirà il consumatore che non sarà più tutelato nelle transazioni commerciali che prevedono il pagamento di un corrispettivo in cambio di una determinata quantità di prodotto.

Dr. Massimo LAVAGNA

Rag. Luca Bongarzone