… Milano amica dei bambini?

Questa è la lettera che abbiamo indirizzato al Comune di  Milano. Vorremmo avere chiarimenti su come muoverci: grazie!

Milano amica dei bambini?  E cosa si intende per "amica"? Amico è chi ti rispetta, chi ti è fedele, chi  mantiene le promesse…

Siamo un gruppo di genitori della scuola dell’infanzia di viale Affori.

Oggi, primo giorno del servizio centro estivo del Comune di Milano, la nostra scuola è rimasta chiusa e i genitori non hanno trovato alcun referente istituzionale da cui avere informazioni. Le nostre maestre, precettate, avevano già reso noto che avrebbero partecipato ad assemblee
sindacali invece di prestare servizio e siamo certi che di questo il Comune
fosse al corrente. Tuttavia non è stata chiamata alcuna cooperativa per assolvere al servizio del centro estivo già pagato dalle famiglie. Addirittura ieri i genitori dei bambini che non avevano presentato il bollettino per l’iscrizione pagato sono stati sollecitati a consegnarlo entro oggi altrimenti non avrebbero avuto diritto al servizio, che di fatto, come preannunciato, è stato inesistente.

Abbiamo già subito il disagio delle assemblee sindacali e degli scioperi (peraltro condivisibili) delle settimane precedenti l’inizio del servizio estivo, chiedendo permessi dal lavoro (che nessuno restituirà più).

Abbiamo pagato 72 euro + i 46 euro per la mensa e ci aspettavamo che durante il mese di luglio i nostri bambini fossero accolti degnamente.

Quest’ultimo disagio si aggiunge ad un anno davvero difficile per le nostre scuole comunali in cui abbiamo visto le nostre strutture pubbliche degradarsi per la sporcizia che aumenta di giorno in giorno, per i materiali che mancano e devono essere forniti dalle famiglie, per la carenza cronica di personale.

Da tempo i genitori hanno compreso che la direzione presa dall’amministrazione pubblica è quella di spingere al degrado il servizio di istruzione pubblica per indirizzare i genitori alle strutture private, ma nessuno di noi può accettare lo svilimento della scuola pubblica, un bene fondamentale e un diritto dei minori che a nostro avviso, è INTOCCABILE.

Attendiamo qualche risposta. Se il servizio non sarà conforme a quanto  comunicato alle famiglie, chiederemo il rimborso per il mancato servizio e le ore di lavoro perse a causa del grave disservizio di questi giorni. Consento al trattamento dei dati personali che saranno utilizzati esclusivamente per le finalità connesse alla propria attività (D.lgs. 196/2003).

Manuela Romagnoni