Trenitalia: ritardo inaccettabile!

Salve,

sono un pendolare che utilizza la linea FS per recarsi quotidianamente al lavoro. Ultimamente sono stato vittima di un "sequestro" perpetuato dalle ferrovie dello stato la serata del 31-12-2008. Ho spedito un reclamo scritto alle ferrovie, le stesse che mi hanno risposto un mese dopo. Il risultato è un nulla di fatto. Vorrei sapere se esiste qualche mezzo per far valere i miei diritti regolarmente acuisiti nel momento del pagamento dell’abbonamento.

Di  seguito  la lettera di reclamo e la risposta delle ferrovie.

Rimanendo a disposizione per qualsiasi informazioni porgo

Distinti Saluti

Fabio Tranquilli

*** *** ***

– LETTERA DI RECLAMO –

Trenitalia risponde

Gentile cliente,

ti confermiamo di aver ricevuto la tua segnalazione e ti ringraziamo per averci contattato.

Il codice del tuo reclamo è: 0901056AMS

Riepilogo dei dati inviati:

Data 31/12/2008

la mia eccezionale eperienza mi ha visto prendere il treno REG 2485 dalla stazione di Bastia alle 17,40 per arrivare cosi teoricamente alla stazione di Narni alle 19,00. Il suddetto treno arrivato alla stazione di Baiano di Spoleto in orario, ha accumulato un ritardo di….3 ORE E 30 MINUTI….disinteressandomi sul perchè e sul per come possa essere avvenuto questo incresciosissimo sequestro perpetrato dalle FS a danno dei clienti, dietro mie personali e ripetuti colloqui con il capotreno è stato richiesto un intervento da parte delle FS che non è mai arrivato. (servizio sostitutivo di Autobus da Spoleto per Roma). Sono stato poi costretto dalla situazione (da Voi) a vagare per Baiano di Spoleto il 31/12/2008 alle 22,00 alla ricerca di un taxi che dietro lauto compenso (150 Euro!!!) mi ha accompagnato a casa, visto che il cenone costatomi 80 euro a persona (eravamo in 2) era perso. Vi informo che per per gli enormi danni morali ho già incaricato il mio legale di sporgere denuncia.

– RISPOSTA DELLE FERROVIE DELLO STATO –

Gentile Signor Fabio Tranquilli,

in relazione alla Sua segnalazione, circa il ritardo del treno R 2485 dello scorso 31 dicembre ed alla richiesta di risarcimento, insieme al nostro rincrescimento per l’accaduto, ci permetta di esprimere alcune considerazioni. Il R 2485 è arrivato a Baiano di Spoleto alle ore 18.36, con 5’ di ritardo, ed è rimasto fermo per interruzione della linea fino alle ore 22.11 quando, riparato il guasto alla linea aerea sulla tratta successiva, è potuto ripartire arrivando a Roma Termini alle ore 23.39, con 216’ di ritardo complessivi. Il treno Eurostar 9332 si era fermato in linea tra Giuncano e Baiano di Spoleto a causa della rottura del pantografo (che aveva causato, a sua volta, la rottura del cavo elettrico di alimentazione) ed era rimasto in linea in attesa dei tecnici. Nel frattempo, tutti i treni circolanti sulla linea sono rimasti fermi nelle stazioni limitrofe in attesa di conoscere l’entità del guasto, le possibilità di intervento ed i tempi necessari al ripristino della linea. Viste le difficoltà di accesso all’area interessata dal guasto e la complessità dell’intervento, i responsabili hanno valutato la possibilità di utilizzare mezzi sostitutivi per trasbordare, dove possibile, i viaggiatori ed accompagnarli a destino. Si è riusciti ad ottenere solo un autobus, considerato che le aziende avevano tutti i mezzi fuori per l’occasione delle festività di Capodanno, utilizzato per condurre a Roma parte dei i viaggiatori rimasti fermi a Spoleto a bordo del treno Eurostar 9333. Trenitalia ha comunque garantito a tutti i viaggiatori, pur nella grave situazione venutasi a creare (gestita peraltro in maniera adeguata alle difficoltà incontrate ed alle risorse reperite), il proseguimento del viaggio fino a destinazione, in relazione a quanto previsto nelle “Condizioni e Tariffe per il trasporto delle persone sulle Ferrovie dello Stato” e non può aderire, perché non previsto dalle norme in vigore, alla Sua richiesta di rimborso. Relativamente al treno R 3161 da Firenze SMN, nel presente mese solo il giorno 16 è arrivato a Foligno con un ritardo superiore ad 8 minuti; il treno R 12131, viaggiando in orario, è partito alle ore 19.09 secondo quanto previsto dal gestore della circolazione per evitare il propagarsi senza fine dei ritardi originati dall’attesa dei treni.

Rinnovando le nostre scuse sincere per il disagio inviamo cordiali saluti.

Il Direttore Regionale

F.I.

*** *** ***

Per quanto riguarda altri particolari, aggiungo che, nel tempo in cui eravamo fermi alla Stazione di Baiano di Spoleto, i messaggi che provenivano dall’interfono erano messaggi che reiteravano il ritardo di mezz’ora in mezz’ora, cosicchè tutti i passeggeri, piuttosto che organizzarsi all’inizio del ritardo accumulato (216 minuti) speravano che il treno fosse ripartito dopo 30 minuti; cosi facendo invece, di mezz’ora in mezz’ora siamo arrivati al ritardo riportato nella mia mail e confermato dalle fs.

Cordiali Saluti.

Fabio Tranquilli