I pendolari in agosto non si estinguono…

Riceviamo dal Comitato Pendolari Bergamaschi un quadro chiaro e concreto sulla drammatica situazione vissuta dai pendolari nel mese di agosto, come viene sottolineato nel testo sotto riportato, alla faccia della Lombardia “motore d’Europa”!

La Redazione

Mi associo a quanto scritto dall’amico Beppe Citterio.

Mentre suonate le fanfare per l’accordo raggiunto tra FNM e Trenitalia per la creazione di una nuova società (a tal proposito che la nuova società sia più efficiente delle due società inefficienti che la formano sarà tutto da dimostrare), i pendolari bergamaschi in questo agosto devono sopportare la soppressione di parecchi treni: il 7.20 del mattino e i treni delle 17.32, 18.32 e 19.32 del ritorno e in più sono costretti a viaggiare su treni composti da materiale rotabile impresentabile in termini di numero di carrozze e di pulizia come successo per esempio sul treno di questa sera delle 18.10 da Milano per Bergamo.

Come sempre i politici che ci governano approfittano di ogni occasione per ribadire che la Lombardia è una delle quattro regioni “motori di Europa”, vi posso assicurare che dal punto di vista di chi utilizza i servizi di trasporto pubblici sicuramente siamo molto più vicini all’Africa che all’Europa! Credo proprio che anche i passeggeri di origine africana che viaggiavano con me sul treno di questa sera abbiano provato nostalgia per i treni dei loro Paesi di origine…

Saluti

Marcello Prestini

Comitato Pendolari Bergamaschi

P.S. Vi avverto, nel caso non lo sapeste, che certamente i pendolari in agosto diminuiscono, ma non si estinguono…perciò, passare da treni che nella composizione standard degli altri mesi hanno 7 carrozze a doppio piano a treni come quello di questa sera, ossia a piano ribassato con sole 4 carrozze, ci sembra decisamente una scelta azzardata, per non dire di peggio!

Il giorno 04 agosto 2009 Citterio ha scritto:

I Grandi Organizzatori Estivi di Trenitalia si sono scatenati, con il tacito consenso dei Grandi Assenti Perenni della Regione Lombardia:
qualche esempio?
– Il treno 2640 Bergamo – Milano delle 7,20, il gioiellino per velocità, il più utilizzato dai pendolari, l’unico che consentiva una collegamento diretto (anche se camuffato) tra Palazzolo e Milano è stato soppresso in agosto;
– i treni delle 17,32 , 18,32 , 19,32 da Milano Lambrate, gli unici che consentivano un rapido interscambio con i treni S9 provenienti da Milano San Cristoforo sono stati soppressi in agosto;
– i treni stagionali concepiti appositamente per portare i bergamaschi al mare (treno dell’Arcobaleno per la Riviera Ligure e Freccia della Versilia per Viareggio e Pisa) sono stati soppressi totalmente o parzialmente in agosto;
– il treno 2629 di oggi 4 agosto in partenza da Milano Centrale alle 18,10. uno dei pochi treni sopravvissuti alla falcidia di agosto, era composto da sole 4 vetture ad un piano, sporchissime, caldissime e soprattutto stipatissime ancor prima di partire: lascio immaginare le condizioni di viaggio; il treno S9 in partenza da Milano Porta Romana alle 18,43 verso Milano Lambrate e Seregno oggi 4 agosto è stato soppresso.
Il responsabile dei turni del materiale rotabile, chi ha organizzato lo sfacelo di agosto e chi permette che tutto ciò avvenga sulla pelle della gente deve scusarsi pubblicamente. La dignità di chi viaggia non può essere calpestata da questi signori nemmeno in agosto.
Giuseppe Citterio
Comitato Pendolari Bergamaschi

Technorati Tag:
  • G.Gervasoni

    Arrivata alla stazione di Pisa per tornare a casa, scopro amaramente che la Freccia della Versilia è soppressa, ma sul sito delle FFSS nessun avviso (meno male non ho prenotato on line). Partirò domani su Milano smemandoci di tempo, soldi e pazienza…..io almeno so dove andare a dormire, ma c'era gente con già il biglietto A/R ignara di tutto che farà i salti mortali per arrivare a Bg stanotte all'una (forse). Ora chiedo all'ACU se possiamo essere risarciti in qualche modo, anche solo per i danni morali, oltre che quelli materiali, e cosa dobbiamo fare.