Diario pendolare: l’emergenza continua!

VI PREGO DI PUBBLICARE QUESTO ARTICOLO CON NOME E COGNOME PER ESTESO

21 sett 2009 sera; L’emergenza continua

Sto scrivendo, in equilibrio molto precario, seduto su un micro-seggiolino dal regionale 20427 diretto a PIACENZA.

In giornate come queste, conviene salire sul primo treno che passa e armarsi, come sempre, di “santa pazienza”. Le ripercussioni dell’incidente di ieri sera sono ancora molto “vive”; alcuni convogli non raggiungono la stazione Centrale, ma partono o arrivano da/a Lambrate; i ritardi minimi ANNUNCIATI sono di 20 minuti, chissà poi di quanto aumenteranno….

COME DICEVO, L’EMERGENZA CONTINUA PERCHE’ TRENITALIA E’ IN EMERGENZA ANCHE QUANDO DEVE GESTIRE IL TRAFFICO NORMALE, FIGURIAMOCI QUANDO SI ALZA UN PO’ IL LIVELLO!

Un incidente può capitare però, a mio parere, ha sempre cause precise e mette in luce negligenze o errori degli addetti ai lavori: poca manutenzione, materiali stravecchi, ecc.ecc. per cui sono convinto che se fosse effettuata un’adeguata prevenzione, la maggior parte di questi eventi non si verificherebbero.

Ho letto un invito (polemico) rivolto ai pendolari: “dare suggerimenti a Trenitalia per risolvere queste emergenze”; premesso che se fossi interpellato in merito lo farei molto volentieri (per quanto nelle mie modeste possibilità), mi unisco a coloro che hanno risposto, giustamente, che ci sono persone strapagate da Trenitalia per gestire tutto “IL CARROZZONE”, per cui se tali individui sono realmente così “meritevoli” dovrebbero avere anche la capacità di predisporre gli interventi necessari in qualsiasi circostanza.

Con il nostro vecchissimo trenino siamo arrivati “in orario” alla stazione di Piacenza (miracoli dell’orario ufficiale “dilatato” ad arte!); sul tabellone , però, ho notato un +45′ per il reg.2283 e +40′ per il Terni. 22/09 (mattina): ritorno all’emergenza quotidiana: reg.2274 è partito con +8′ e arrivato con +9′.

Ringraziandovi per la pazienza, per la consueta disponibilità e per la diffusione di queste segnalazioni che state effettuando in varie forme, saluto cordialmente.

Massimiliano Davoli