Telecom Italia: addebito non dovuto

Desidero sottoporre la seguente questione riguardante un errato addebito di euro 39,00 oltre iva fatturato a mio carico da Telecom Italia.

Ai primi del mese di ottobre 2009 ho aderito tramite il 187 all’offerta commerciale di Telecom Italia denominata “Alice Casa” . In tale occasione, ho aderito anche all’offerta promozionale denominata “Alice Home TV”.

In data 17/10/2009 si è recato presso il mio domicilio il tecnico Telecom incaricato di procedere alla installazione del modem ADSL e del decoder di Alice Home TV.

In tale occasione, essendo la mia abitazione sprovvista di un impianto di ricezione terrestre della televisione, mi sono reso conto della inutilità di procedere alla installazione del decoder. Il decoder pertanto non è stato installato e non è stato mai tolto dal suo imballo.

Il tecnico, in mia presenza, ha contattato il 187 di Telecom Italia comunicando che non avrebbe più proceduto alla installazione del decoder ed è andato via portando con sé il decoder.

Nel conto telefonico del II bimestre (n. 2/10), mi è stato addebitato da Telecom Italia l’importo di euro 39,00 oltre IVA per “mancata restituzione del decoder” che in realtà non è mai stato nella mia disponibilità personale.

Al riguardo, preciso:

  • che il tecnico Telecom non mi ha consegnato alcuna bolla di accompagnamento delle apparecchiature installate presso la mia abitazione
  • che nessuna comunicazione di Telecom Italia avente ad oggetto la richiesta di restituzione del decoder con indicazione delle modalità di restituzione mi è mai stata recapitata,
  • di aver sporto reclamo tramite il 187. In tale occasione mi è stato riferito che avrei ricevuto una risposta ufficiale entro il 18 marzo, cosa che non è avvenuta. In data 22 marzo l’operatore di Telecom Italia mi comunicava che il reclamo era stato rigettato, precisando che gli addetti Telecom Italia che avevano preso in gestione la pratica avevano "verbalizzato" una telefonata a me indirizzata con richiesta di autocertificazione di contenuto non meglio precisato che io non avrei fornito, telefonata che il sottoscritto non ha mai ricevuto. L’operatore dietro mia insistenza ha riaperto il reclamo comunicandomi un nuovo termine del 1 aprile per il riscontro ufficiale da parte di Telecom Italia.

In tale situazione desidero chiedere il vostro parere circa la linea di condotta più opportuna da seguire.

In attesa di cortese riscontro, resto a disposizione per eventuali chiarimenti.

  • Cristian

    Incredibile! Noi invece abbiamo restituito il decoder a metà del periodo di prova spedendolo ad Asti come disse il 187. Dopo la spedizione sul conto compariva ancora la voce “Alice Home TV” ma al 187 dissero che sarebbe comparsa fino alla fine dei 6 mesi di prova tanto erano gratuiti. Finiscono i 6 mesi di prova e misteriosamente poi compare la voce dei 39 EUR. Da notare che loro hanno disattivato il servizio perché gli è arrivato il decoder però mettono la voce dei 40 EUR. Per cui con 2 EUR di telefonate e 40 Eur di alice 7 mega mi trovo con una bolletta di 121 EUR. Appena sistemiamo la situazione (mi hanno chiesto di mandare via fax la ricevuta per la spedizione del decoder… spedizione già costatami 10 EUR!!!) cambieremo assolutamente gestore. Qui si paga per avere un servizio normale da persone incompetenti in termini di procedure burocratiche, persone che lavorano su sistemi software disallineati e per nulla coordinati. Ecco perché stanno finendo in mezzo ad una strada.