Enel Gas: una famiglia costretta a vivere fuori casa per una inqualificabile interruzione della fornitura!

Salve oggi per la prima volta sono costretta a mandare un’e-mail con in copia le istituzioni per la difesa del cittadino/consumatore perché sento di avere subito un sopruso di dimensioni "bibliche"!!!

Dopo anni di regolarità nel pagamento delle bollette tramite rid, a causa di un fraintendimento causato in parte anche dalla vostra gestione confusionaria dei contratti e delle bollette (cambi di numero utente, cambio di contatore dall’oggi a domani, conguagli vessatori, etc…) si è verificato che c’è stato un ritardo nel pagamento di circa 180 euro (mediamente vi ho pagato anche bollette da 440 euro, tipo l’ultima!!!!!!!); a valle di alcuni vostri solleciti nel periodo delle vacanze estive, io naturalmente non ero a casa, senza mandare alcuna raccomandata avete provveduto a chiudere l’erogazione del gas determinando a me ed alla mia famiglia di 5 persone dei disagi inenarrabili (considerate che ho 3 bambini di anni 6, 3 e 1.
Dopo innumerevoli solleciti al vostro call center (alcuni operatori che mi hanno risposto hanno i numeri 00000 e 11111, gli altri non li ricordo) che ritengo molto impreparato e a volte anche scortese (da alcuni operatori sono stata anche sbeffeggiata!! (addirittura una di loro una certa Maria mi ha detto ridendo "… che deve fare signora le tocca subire con l’Enel!!").

Ebbene dopo vari giorni che io e la mia famiglia siamo costretti a vivere fuori casa non riusciamo ad avere dall’Enel la riattivazione del regolare servizio!!

Con la presente sollecito la riattivazione del servizio IMMEDIATAMENTE in quanto tutti i pagamenti sono stati onorati da tempo e vi anticipo che presto riceverete informazioni anche dal mio legale perché ritengo di aver subito io ed la mia famiglia dei danni ECONOMICI E MORALI enormi!!

Vi ringrazio dell’attenzione e mi aspetto un istantaneo riscontro alla presente e-mail.

Cordiali saluti.

Il vostro ennesimo cliente costretto a subire le vostre angherie… alias Vacca Marianna.