TDShop e il diritto di recesso non rispettato

Salve,
ho recentemente acquistato un netbook attraverso un negozio on line(tdshop.it), TD Shopil giorno stesso in cui mi hanno consegnato il prodotto mi sono recato sullo stesso sito con l’intento di fare altri acquisti e mi sono subito accorto che lo stesso oggetto che avevo appena ricevuto e che avevo pagto 585€ costava solo 499€ quindi 86€ (il 17%) in meno di quanto l’avevo pagato io. Li ho chiamati per segnalare il fatto, ho spedito una mail sotto loro indicazione spiegando l’accaduto e cercando di farmi riconoscere lo stesso sconto in maniera bonaria proponendo un buono sconto per l’acquisto di altra merce all’interno del loro negozio.
Mi hanno scritto che non era possibile esaudire la mia richiesta, che loro erano tenuti a cambiare il prezzo come volevano, quindi ho fatto presente che anche io avrei potuto recedere nei tempi previsti dalla legge dal contratto e poi fare un nuovo ordine al nuovo prezzo, e cosi è stato, ho restituito il prodotto, ho deciso prima dei dieci giorni di esercitare il diritto di recesso seguendo le loro indicazioni (raccomandata entro le 48ore restituzione del bene a mie spese).

Ieri mi hanno chiamato per comunicarmi che mi viene contestato il diritto di recesso perché sostengono che il bene è stato aperto e utilizzato in parte e sono stati asportati i sigilli di garanzia e quindi non sarebbe più vendibile.
Ho provato a consultare la legge
(http://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/testi/05190dl.htm), non mi pare che sia menzionata questa possibilità così come loro la riportano sul loro  regolamento alla voce Garanzie e Recesso (http://www.tdshop.it/text.asp?IDText=GaranzieRecesso), mi viene dunque il sospetto che si tratti di un regolamento interno e di non essere tenuto a rispettarlo in quanto snatura il diritto stesso, nel senso che mi chiedo a che cosa servono i 10 giorni se non si può aprire la confezione e visionare o eventualmente provare il prodotto che comunque e stato rispedito completo di tutte le sue parti e nell’imballo originale.

Mi hanno proposto di restituirmi il bene cosi com’è senza ulteriori spese di spedizioni e senza riconoscermi alcuno sconto, nel frattempo il prezzo dello stesso oggetto è di nuovo cambiato, in questo momento lo vendono a 556€.
Ho chiesto che mi venga riconosciuto l’intero prezzo e di voler proseguire con il diritto di recesso ma non ho avuto indicazione precisa a riguardo.

La domanda è: come devo comportarmi secondo voi? Grazie per l’attenzione, aspetto.