Discutibile gestione, così Enel Energia S.p.A. perde i clienti!

Spett.le ACU,

Vi volevo solo segnalare un disastroso disservizio di Enel Energia nei miei confronti, tanto da obbligarmi ad inviare al suddetto gestore due letteracce di protesta e di insulti, che Vi allego. Non chiedo la Vs. assistenza perché la bolletta contestata andrà comunque pagata, dal momento che effettivamente il pagamento non è stato fatto. Tuttavia volevo informarVi del bel comportamento dell’Enel Energia nei miei riguardi e di cui non penso di essere il solo, perché avrete senz’altro avute altre comunicazioni similari.

Distinti saluti.

G. R. Sperta

*** *** ***

Torino, 11.05.2010

Spett.le ENEL Energia SpA, Casella Postale 1000 – 85100 POTENZA

Sono Vs. cliente dal 01.04.2007 col numero 297 594 567. Durante questo periodo Vi posso dire di non aver mai riscontrato una pessima gestione come la Vostra. Come organizzazione fate veramente schifo e non avete fatto altro che combinarmi dei guai e crearmi dei problemi!

Già ero passato con Voi dall’ENI Gas & Power tramite un inganno da parte di un tizietto di Key 21 che si era presentato come addetto dell’Italgas e mi aveva raccontato un sacco di fandonie per convincermi a sottoscrivere un contratto con Voi, con la promessa di un bonus di 25 m3 ogni 500 consumati, di cui non ho mai notato l’effettiva attuazione. Ho poi constatato in seguito che il contratto era stato fatto come uso riscaldamento individuale, cottura e acqua calda. Invece quel contatore è adibito solo al riscaldamento di tutta la casa, composta da tre unità immobiliari, interamente occupate da me e dalle mie figlie. Per cottura e acqua calda utilizziamo altri contatori e per fortuna non gestiti da Voi. Ho tentato più volte col Vs. numero verde del Servizio Clienti di farmi cambiare il tipo di fornitura ma senza risultati e senza riuscire neanche a sapere se i costi variavano in base al tipo di utilizzo.

L’inizio con Voi è cominciato subito male, perché le prime bollette venivano calcolate con un consumo stimato di gas veramente irrisorio. Nessuno passava a leggere il contatore. Invece l’ENI Gas & Power inviava tutti i mesi del periodo invernale un incaricato alla lettura e mi veniva fatturato ogni mese l’effettivo consumo. Nel periodo estivo, quando il contatore restava chiuso, non mi veniva inviata nessuna bolletta. Le Vs. fatture invece hanno una cadenza molto irregolare e continuano ad essere emesse anche nel periodo estivo con consumi stimati il più delle volte errati. L’autolettura con Voi, sia per via telefonica che tramite Internet, risulta quasi sempre disabilitata. Qualche volta mi telefona una Vs. impiegata che mi fa correre in cortile a leggere il contatore per comunicarLe la numerazione, lasciandomi alquanto perplesso su questa insolita procedura.

Altra Vs. chicca: dopo qualche tempo avevo notato su una Vs. bolletta che la lettura presunta dei metri cubi del contatore era di 126964, mentre la Vs. prima fattura del 27.07.2007 riportava una lettura iniziale effettiva al 1/04/2007 di 226848. I tentativi col numero verde del Vs. Servizio Clienti di correggere l’errore della prima cifra dal numero 1 al numero 2 sono stati senza riscontro e per ottenere la variazione ho già dovuto scriverVi una lettera a gennaio 2008.

Altro Vs. pasticcio: dopo l’ultima bolletta del 15.11.2009 con pagamento entro il 07.12.2009 relativo ad un periodo di conguaglio da gennaio a settembre 2009, non ho più ricevuto nulla, tanto da farmi sospettare disguidi postali e farmi telefonare ancora una volta al Vs. Servizio Clienti, dove mi veniva confermato che quella di novembre era l’ultima fattura emessa e che la prossima era in arrivo.

Peccato che in questi giorni non mi è arrivata una bolletta ma ben tre a distanza di un giorno o due l’una dall’altra, dove la prima doveva essere pagata entro il 19.05.2010, la seconda entro il 20.05.2010 e la terza entro il 24.05.2010 per un periodo complessivo di consumo gas che va da settembre a marzo e per un importo totale di circa 2.220 €. Praticamente quasi tutto il periodo di riscaldamento invernale da pagare nell’arco di 5 giorni. Siccome le Vs. bollette sono domiciliate presso la mia Banca ed in questo momento, per una serie di operazioni bancarie ed altri pagamenti, non dispongo sul mio conto corrente di tutta la cifra da Voi richiesta, è molto probabile che l’ultima bolletta non verrà pagata.

Infine, constatato ormai che siete dei grandi pasticcioni disorganizzati, Vi informo fin d’ora la mia ferma intenzione di cambiare gestore e di consigliare a tutti i miei amici e conoscenti di star lontani dall’Enel Energia se non vogliono andare incontro a spiacevoli sorprese come ho avuto io.

Distinti saluti.

G. R. Sperta

*** *** ***

Torino, 26.11.2010

Spett.le ENEL Energia SpA, Casella Postale 1000 – 85100 POTENZA

Scrivo delle aggiunte alla lettera (allegata in copia) inviataVi il 11.05.2010, per comunicarVi delle novità sulle Vs. belle prodezze! Devo dirVi a questo punto che fate veramente schifo!

Al 31.12.2009 la mia Banca, dove ho la domiciliazione di tutte le mie utenze, mi addebitava, con valuta retroattiva al 17.11.2009, un pagamento Gas a favore di Enel Energia di Euro 2028,07 per una bolletta che non mi risultava proprio di aver ricevuto.

Telefonavo al Vs. numero verde Servizio Clienti e mi veniva confermato che non c’erano bollette di quella cifra da pagare e anche sul Vs. sito Internet, dove mi ero iscritto, non risultava nulla da pagare.

Tutte le bollette successive fino all’ultima pagata del 04.05.2010 (vedi fotocopia allegata) riportano la dicitura: “I suoi pagamenti precedenti al momento risultano regolari.”

Supponendo un errore di attribuzione della mia Banca chiedo lo storno di tale importo che mi viene concesso ed effettuato il 25.01.2010 con valuta retroattiva al 17.11.2009.

Pensavo fosse finito tutto lì. Invece in questi giorni la Banca mi riferisce che l’Enel Energia è tornata alla carica, spiegando che l’importo in questione si riferisce alla bolletta n. 925108067654 del 24.07.2008 con scadenza 20.08.2008, che non sarebbe stata mai pagata.

Ma se mi avete sempre scritto che i pagamenti precedenti erano regolari! Vi rendete conto solo dopo due anni che una bolletta non sarebbe stata pagata?! Ma che razza di organizzazione avete?!

Di solito, se una bolletta non viene pagata, i gestori mandano subito richieste di pagamento immediato con minacce di interrompere le utenze se non si provvede tempestivamente al saldo. Invece no, secondo Voi i miei pagamenti precedenti risultano regolari!

Vado a spulciare nelle Vs. vecchie bollette ed effettivamente esiste quella incriminata, che a distanza di due anni era ovvio che non potevo più ricordare.

Purtroppo nel frattempo sono passato dalla Banca Intesa Sanpaolo S.p.A. ad una consociata che è Intesa Sanpaolo Private Banking S.p.A. con cambio di Filiale e di conto corrente.

Non avendo più gli estratti del vecchio conto corrente estinto in data 04.11.2009, non sono riuscito lì per lì a verificare se quella bolletta fosse stata pagata dalla Banca oppure no.

Ho dovuto pregare la mia nuova Banca che richiedesse alla Filiale precedente un estratto conto dal terzo trimestre 2008 fino alla chiusura del conto, con verifica se la Vs. bolletta fosse stata pagata.

Ricevo oggi la documentazione dove risulta che al 20.08.2008, data di scadenza di quella bolletta, non è stato pagato nulla all’Enel Energia e, su tutti gli estratti conto che mi hanno inviato, risultano pagate tutte le bollette successive ma non quella. La vecchia Banca mi comunica inoltre di non aver mai ricevuto da parte dell’Enel per la data di scadenza del 20.08.2008 la richiesta di pagamento per questo importo sul mio RID .

Dunque i pasticcioni siete Voi! Ma che fate invece di lavorare? Parlate solo di vacanze, di sport, di fidanzati, di donne o che cosa? Brunetta da Voi non ha ancora provveduto?

A questo punto prima di pagarVi questa maledetta bolletta esigo delle spiegazioni, perché se “I suoi precedenti pagamenti al momento risultano regolari” allora va bene così!

Dimenticavo: il mio codice cliente di allora era 6251 0620 3216. Dalla bolletta del 15.11.2009 è improvvisamente cambiato in 297 594 567. Avete combinato un altro pasticcio e io sarei diventato un altro?

Se continuate di questo passo mi sa che perderete tutti i clienti e l’Enel finirà per fallire. Io ho già provveduto a richiedere il cambio di gestore (che spero avvenga il più preso possibile) e siccome ho anche qualche Obbligazione Enel provvederò immediatamente a venderle per non trovarmi in un caso tipo Parmalat.

A non avere mai più a che fare con Voi.

Saluti (ma non Distinti perché non li meritate)