"Da Italiano mi piange il cuore; da consumatore, il portamonete". I disservizi di Poste Italiane S.p.A.

al Presidente di  POSTE ITALIANE spa
All’Amministratore Delegato di POSTE ITALIANE spa

e, p.c.
Al Ministro delle Comunicazioni
Al Consiglio Nazionale per i Consumatori e gli Utenti
Alle Associazioni dei Consumatori

Egregi,
dopo quattro mesi di disperata attesa e una serie infinita di inconcludenti telefonate al Vostro call center (n. verde 803.160) ho deciso di gettare la spugna: rinuncio alla restituzione del Pacco Internazionale (spedizione XX0000000 del 7/4/2011) che per Vostro tramite ho inutilmente tentato di far recapitare in India.
Allo stesso tempo, però, voglio lasciarVi questa testimonianza affinché Vi rendiate conto del degrado operativo in cui si trova l’azienda della cui gestione siete responsabili.
Quattro mesi fa, appunto, malauguratamente sceglievo Poste Italiane per spedire un pacco a Mumbai, in India. Quasi 50 euro di spesa per meno di 100 grammi di peso. Dentro c’è un vecchio orologio da restaurare e per spedire compilo una serie di scartoffie e dichiarazioni manco fosse un ordigno nucleare… Dopo la spedizione ricevo 6 (sei!!!) telefonate da Vostri  impiegati (sempre diversi) che ogni volta mi fanno le stesse identiche domande (cosa c’è nel pacco? Quanto vale? Ok allora procediamo). Poi il pacco sparisce nel nulla.
Telefonate su telefonate, ma nessuno al Call center delle Poste sa darmi notizie. Due mesi dopo (e dopo molti insulti dell’acquirente indiano che lo aspettava) il pacco riemerge: risulta giacente a Mumbai. Iniziano le telefonate al solito Call Center (ogni volta una persona diversa prende in carico la questione: "Allora apriamo un reclamo. Vuole che lo restituiamo al mittente? Ok, allora procediamo con la restituzione"); l’epilogo tuttavia è paradossale. il pacco non mi è stato restituito, così oggi chiamo il Call center per protestare e mi sento rispondere che "avrei dovuto aprire un reclamo" e che ormai i termini sono scaduti, quindi il pacco resterà per sempre a Mumbai!!!
Una vergogna. Non funziona il servizio, non funziona l’assistenza ai clienti, non funziona più niente. E lo dico a ragion veduta, perché uso molto acquistare e vendere via internet e ogni volta ricevere o spedire un pacco tramite Voi è un’odissea, mentre con UPS, FEDEX, TRACO o qualunque altro vettore, in due giorni è tutto a destinazione. Un altro esempio?
Qualche settimana fa ho acquistato un oggetto a Hong Kong, mi è stato spedito e pochi giorni dopo è arrivato. Il corriere Sda che collabora con Poste Italiane tenta la consegna. Prova una sola volta (lascia solo un biglietto di tentata consegna), poi sparisce. Altre mille telefonate e visite all’ufficio postale della mia zona, a Roma via Sappada, nella speranza di poterlo ritirare a mano. La faccio breve: per ottenere il pacco ho dovuto aspettare altri 12 giorni e poi son dovuto andare Io fino al magazzino Sda di Roma Fiumicino (45 km da casa mia!!) per ritirarlo. Mi sono costati più la benzina e il tempo che non gli oggetti che c’erano nel pacco.
Incredibile? NO. Basta andare a curiosare su Ebay, il principale sito di compravendita on-line (quindi uno dei luoghi in cui le spedizioni nazionali e internazionali sono pane quotidiano), per scoprire che tantissimi venditori professionali esteri si rifiutano di spedire in Italia tramite vettori associati con Poste Italiane, proprio a causa della inaffidabilità del servizio. Da Italiano, mi piange il cuore; da consumatore, il portamonete.

Tanto Vi dovevo
Leonardo, Roma

  • irene

    Carissimo, a noi Poste Italiane (Centro Meccanizzato di Pisa) ha rubato un costosisissimo orologio android Vapirius AX. Inutili i reclami, gli stessi Carabinieri si sono opposti alla nostra Denuncia contro Poste Italiane… chissa’ perchè….