Gdf Suez S.p.A. lascia una famiglia in difficoltà senza gas

Ronco Scrivia 17 03 2012

Spettabile GDF SUEZ S.p.A, con questa mia intendo informarvi che non so se avete fatto una cosa giusta tagliandomi il gas il giorno 27 febbraio 2012, secondo quanto leggo in questo scritto sotto, dovrebbe essere vietato tagliare il gas in inverno.
http://rassegna.governo.it/testo.asp?d=32436155
Mi sono comunque già rivolto ad alcune associazioni di consumatori e anche alla Autorità per l’energia elettrica e il gas, perché da quando mi avete tolto il calore, probabilmente il mio diabete ha influito sulla mia circolazione sanguigna e si è lamentato, ho perfino dovuto chiamare il mio medico di famiglia.
Vi avevo solo chiesto una rateizzazione più lunga possibile e vi avevo anche spiegato il mio stato di indigenza e quindi le ragioni della mia morosità.
I fatti: il 4 di ottobre 2010 sono entrato in possesso dell’appartamento di Corso Italia 36 in Ronco Scrivia e per il quale vi chiesi di volturare il contratto gas che era ancora a nome del vecchio inquilino.
Questa casa, come scrissi all’Italcogim poi GDF SUEZ S.p.A,.è di proprietà della chiesa, come si evince dalla documentazione che vi inviai e mi è stata gentilmente concessa proprio perché siamo una famiglia completamente indigente.
Dal giorno 6 di ottobre 2010 ho iniziato ad interessarmi per volturare l’utenza a mio nome contattandovi a mezzo e-mail trovate con enormi difficoltà, pur essendo un esperto infotelematico; il 15 di ottobre 2010 mi inviaste la modulistica da scaricare online e cosi feci; dopodiché  inviai
subito tutta la documentazione da voi richiesta.
Ogni qualvolta mia moglie telefonava per sapere a che punto fosse la nostra pratica, gli operatori Call Center ci chiedevano immancabilmente  di rinviarvi gli stessi documenti; così feci per altre due o tre volte, non capendo per quale motivo…, anche perché in questo modo non potevo cambiare fornitore che poi era nei miei desideri, inoltre non avrei potuto inviare acconti che mi avrebbero evitato il conguaglio troppo alto quindi per me impagabile.
Mia moglie continuava a telefonare per ricevere il contratto, perché senza quello non potevo fare la richiesta del bonus gas e ricevere regolarmente le bollette.
Infine dopo mille insistenze, (preciso che insistevo perché volevo gestire ed ottimizzare  al meglio le mie scarse risorse economiche dando la priorità  al pagamento delle bollette del riscaldamento, in quanto qui in inverno si raggiunge temperature quasi polari) il 19 settembre 2011 riuscii a firmare ed rinviarvi il contratto.
Quindi la certezza assoluta di avere ricevuto la voltura a mio nome l’ebbi dopo circa un anno!
Inoltre ricevetti in netto ritardo, sotto natale 2011,  la bolletta di euro 1342,83 con scadenza 22 11 2011 dove fra l’altro applicavate l’IVA al 21% su tutto l’importo relativo al consumo di un intero anno, quando l’IVA è stata aumentata, se non erro, dal mese di agosto 2011.
In tutti i modi, di fronte ad un importo così alto, essendo disoccupato, indigente, vi ho chiesto una rateizzazione a mezzo: telefono, e-mail e per lettera inviata per posta prioritaria, a Lamezia Terme.
Non ricevendo mai risposte, decisi allora di mia testa di inviarvi un acconto di 200,00 euro sull’importo di 1342,83 e di pagare in anticipo, il 13 01 2012, anche la bolletta di 247,49 con scadenza il 23 gennaio 2012 e che riuscii a recepire solo online e della quale non ho mai ricevuto quella cartacea.
E ancora vi inviai vari solleciti e-mail fra i quali quello del 2 febbraio 2012 nel quale richiedevo la rateizzazione!
Nonostante questa nostra chiara volontà  di pagare il debito che si evince dalle mie e-mail, dai miei due versamenti, dalle nostre molteplici richieste di rateizzazione, il giorno 27 di febbraio 2012 ci avete staccato, piombato il contatore, lasciandoci al freddo polare.
Aggiungo che l’ENEL mi fece immediatamente la voltura e nonostante tutti i miei problemi economici ho sempre pagato regolarmente e puntualmente luce, telefono e internet.
Attendo vostro cortese riscontro.
M.T. P.

  • DELFINI PF

    DOPO AVER LETTO QUESTA LETTERA  SONO ANCORA PU’ CONVINTO DI AVER FATTO BENE A CAMBIARE GESTORE DEL GAS!