Fastweb: il rimborso che si fa desiderare!

Spett.le Fastweb Spa,

sono un Vs cliente da anni che paga regolarmente tramite RID e nonostante questo mi trovo costretto a scrivere una PEC per ottenere il pagamento a mio favore della nota di credito emessa da Voi a settembre 2012 con scadenza 03 gennaio 2013, ovvero quasi 3 mesi fa.
Prima di arrivare a scrivere questa mail “certificata” ho sollevato 4 solleciti (l’ultimo poco fa) e ogni operatore mi ha confermato che l’amministrazione avrebbe provveduto quanto prima… ovviamente così non è stato!
Non so se questo dipenda da una Vs specifica politica aziendale e quindi dalla Vs volontà o sia semplicemente frutto di una mancanza di organizzazione e da poca professionalità, ma tant’è! I pagamenti li riscuotete con una puntualità inaudita mentre quando si tratta di rimborsare vi perdete e fate perdere i Vs clienti nei meandri della burocrazia.
Inserisco in cc anche alcune Associazioni dei Consumatori perché ritengo che la cosa non debba passare in sordina ma debba invece essere promossa a difesa di chi, come me, si ritrova a dover perdere del tempo per “mendicare” un importo che spetta di diritto!
I 62 euro, infatti derivano dall’attivazione dell’Home Pack con Sky: Fastweb mi ha inviato la nota di credito il 06 settembre per poi riaddebitarmi a fine settembre di nuovo la cifra che avevo pagato ma ora sotto la veste di Home Pack = doppio pagamento con la promessa di ricevere l’eccedenza ad inizio gennaio…. E a gennaio i soldi non arrivano, nemmeno dietro i miei solleciti insistenti.
Voglio chiudere comunicandovi che questa PEC è il mio ultimo tentativo di mediare, la prossima volta vi scriverà il mio avvocato che procederà per vie legali per l’ottenimento di un decreto ingiuntivo (ovviamente con spese a vs carico). È una vergogna dover costringere un Cliente a tanto, non mi sento tutelato da Voi e cercherò da subito un altro operatore ADSL e telefonico.

Distinti saluti.
Di Rienzo Simone