Problemi con Gdf Suez Energie

12 febbraio 2014
Gent.le Resp. Recupero Crediti GDF Suez,
oltre a continuare a non ricevere alcuna risposta da parte vostra (ho provato anche a chiamare al numero indicato 02-32008068 ma ha attaccato da subito una musichetta di fondo…), ieri ho pagato l’importo che il servizio clienti mi ha comunicato telefonicamente come differenza tra dare e avere (alla seconda telefonata di richiesta chiarimenti, dopo che contrariamente a quando riferito nella prima nessuno dell’azienda mi aveva chiamato per darmi chiarimenti a riguardo) e inviato regolarmente la ricevuta di pagamento (in allegato) al numero di fax indicato (02-32952551) tuttavia la fornitura non mi è a tutt’ora stata ripristinata e chiamando il servizio clienti per chiederne il motivo mi è stato detto che "il fax non era stato evidentemente ancora caricato a sistema e che quindi non si poteva procedere alla richiesta di riattivazione". Quindi non solo mi avete privato di un servizio senza che ve ne fossero i presupposti (dal momento che non mi sono mai rifiutato di pagare ma anzi di aver da tempo chiesto che mi fosse solo indicato l’importo corretto, così come mi aveva anticipato il servizio clienti sarebbe stato fatto), lo stesso continua a non essere ripristinato nonostante non vi sia più nemmeno il debito preso a pretesto per la sospensione del servizio. Intanto due adulti due bambini (di cui un neonato) e un anziano continuano a rimanere al freddo e senza la possibilità di cucinare o lavarsi per il secondo giorno consecutivo.
NO COMMENT!
Francesco G.

10 febbraio 2014
Gent.le  Resp. Recupero Crediti GDF Suez,
non ho mai ricevuto risposta ai miei solleciti tuttavia oggi mi è stato sospesa l’erogazione del gas con due bambini piccoli a casa, di cui un neonato. Questo pur vantando ancora un credito da oltre un anno e avendo seguito le direttive impartite dal servizio clienti che mi hanno detto di non pagare le fatture sbagliate e di attendere il conguaglio dare/avere… Ho comunque pagato tutte le fatture successive, non mi è mai arrivato il conguaglio annunciato, non mi sono mai state stornate le cifre a mio credito, non sono stato avvisato della sospensione del servizio e mi ritrovo senza la possibilità di tenere al caldo i miei piccoli o anche solo di scaldargli il latte per nutrirli.
Trovo questo atteggiamento moralmente criminale! Se poi lo è anche civilmente o penalmente lo accerterò quanto prima. Ho chiamato per l’ennesima volta il servizio clienti GDF chiedendo la riattivazione immediata del servizio e la possibilità di regolarizzare una volta per tutte la mia posizione, cosa che chiedo a gran voce da molti mesi, ma ancora una volta mi è stato risposto di essere impotenti perché "il sistema" non permette di far null’altro se non si paga prima quanto richiesto anche se si vanta un credito.
Ho chiesto ma mi è stato negato di parlare con un responsabile o un dirigente o persona in grado di prendere decisioni a proposito ma  di attendere di essere eventualmente ricontattato…. Ho chiesto un indirizzo di posta certificata (PEC) per inviare la mia richiesta ma mi è stato detto che non esiste, ho chiesto un indirizzo mail qualsiasi di competenza cui scrivere e spiegare l’accaduto ma anche qui mi è stato risposto che l’unica possibilità che ho di parlare con l’azienda è al telefono attraverso il servizio clienti, quello stesso servizio clienti che mi ha detto di non pagare e per cui ora mi ritrovo senza gas!
Scrivo al servizio recupero crediti perché è l’unico interlocutore con cui in passato sono riuscito a parlare che mi è sembrato voler risolvere il problema (e dato l’epilogo devo dire con scaso successo…). Non so se tra i destinatari di questa mail c’è qualcuno che abbia la possibilità di intercedere e arrivare direttamente a chi è in grado di porre la parola fine a questa assurda situazione ma in caso contrario e se entro la giornata di oggi non mi verrà riattivata la fornitura del GAS mi vedrò costretto mio malgrado a chiedere giustizia ricorrendo per vie legali chiedendo ovviamente i danni (là dove previsti) per il disagio procurato, sperando che questo disagio non abbia ulteriori conseguenze sui miei figli.
Cordiali saluti,
Francesco G.

26 settembre 2013
Gent.le Resp. Recupero Crediti GDF Suez,
non avendo ricevuto nessun riscontro alla mia precedente mail, sono a scriverle nuovamente affinché si possa finalmente ed una volta per tutte porre fine a questa vicenda delle "bollette matte" che ormai mi perseguita da più di un anno. 
In C.C. le principali associazioni di tutela dei consumatori (ADICONSUM – ADUSBEF – ALTROCONSUMO – ASSOCIAZIONE CONSUMATORI UTENTI – ASSOCIAZIONE PER LA DIFESA E L’ORIENTAMENTO DEI CONSUMATORI – CASA DEL CONSUMATORE – CODACONS – CONFCONSUMATORI – FEDERCONSUMATORI – LEGA CONSUMATORI – MOVIMENTO CONSUMATORI – UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI – UNIONE TUTELA CONSUMATORI) nonché l’ufficio reclami dell’ AEG (AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS).
A Maggio 2013 mi è finalmente arrivata una fattura in cui mi veniva riconosciuto un credito di 1.173,97€ (vedi "fattura 04-06-13" in allegato) che però veniva calcolato a partire dalla fattura del 03/12/2012, non c’è quindi alcuna traccia del precedente credito derivante dalla fattura sbagliata del 27/08/2012 di 2.039€ salvo non considerarlo estinto, nonostante nella fattura del 26/10/2013 mi veniva riconosciuto un credito di 932.03€ (mai restituito).
Nella stessa mi viene però segnalato anche il mancato pagamento delle due bollette precedenti (per un totale di 1.983,44€) e addebitate le spese per l’invio del sollecito, anche se mi era stato detto dall’assistenza clienti di non pagarle perché ovviamente sbagliate e di aspettare in sostituzione delle stesse il conguaglio con lo storno dei crediti precedenti e l’importo corretto. A prescindere da eventuali ulteriori crediti esigibili da fatture precedenti (vedi i 932€ della fattura di Ottobre), cosa significa questa fattura? Significa forse che devo pagare le due precedenti fatture per un totale di 1.983€ in modo da poter poi vantare un altro credito di 1.173€…?
In data 03/08/2013 mi è infine arrivata una nuova bolletta di 68,17€ (con una stima finalmente vicina ai consumi reali) che sembra però non tener conto di tutto quanto accaduto in precedenza, salvo riportare lo stesso avviso relativo alle due bollette non pagate (vedi "fattura 03-08-13" in allegato). Quindi: l’ipotetico debito di 1.983€ è rimasto ma che fine ha fatto il credito di 1.173€ indicato nella precedente fattura…?
Alla luce di tutto ciò sono sempre più confuso e non ho ancora capito se e cosa devo pagare o cosa mi è ancora dovuto ma, a prescindere, sicuramente non devo soldi per notifiche inviate per errore, ne eventualmente interessi per fatture sbagliate che mi era stato detto di non pagare soprattutto dal momento che voi per primi avete trattenuto già un anno fa importi che superavano di gran lunga quanto realmente dovuto, non restituendoli ne riconoscendomi interessi.
Per chiudere tutta questa faccenda sono dunque a chiedervi un resoconto che tenga conto di tutti i consumi reali e degli importi pagati a partire da Gennaio 2012 fino ad oggi (la lettura attuale del contatore è 40973) e conseguentemente di un unica fattura a conguaglio (ovviamente senza vedermi addebitate spese di notifica o altro…) che annulli e sostituisca qualsiasi altra fattura precedentemente emessa (a debito o a credito che sia…).  
In attesa di un vostro cortese riscontro, in mancanza del quale mi vedrò costretto inevitabilmente ad intraprendere azioni legali, vi saluto cordialmente e vi auguro buona giornata,
Francesco G.

15 maggio 2013
Gent.le Resp. Recupero Crediti GDF Suez,
come da conversazione telefonica avvenuta, sono a tentare di rendicontarle quanto avvenuto negli ultimi mesi tra il sottoscritto (omiss.) e il servizio clienti della vostra azienda.
Dopo una bolletta esorbitante di oltre 2.000€ (riferita al bimestre Luglio-Agosto 2012) pagata con non poche difficoltà (dal momento che non è consentito il pagamento bancario delle utenze della GDF e per il pagamento alla posta la cifra sfora di gran lungo il plafond del bancomat, per cui l’unica modalità di pagamento è in contanti) e quindi in ritardo…, abbiamo accertato che l’importo della bolletta era anche sbagliato e notevolmente superiore al dovuto, ciò nonostante pur avendo segnalato la cosa al servizio clienti, l’azienda si è comunque trattenuta l’intero importo pagato, raccomandandosi di stornarlo nelle bollette successive (cosa di per se affatto che corretta e non credo nemmeno legale). Nei mesi a seguire, vantando comunque un credito nei confronti dell’azienda, non ho fatto molta attenzione alle nuove bollette fino a quella di Febbraio 2013 (ricevuta ad Aprile ma da pagare entro il 20 Marzo, quindi già scaduta come quasi tutte le bollette GDF), nella quale nonostante vantassimo  ancora un credito di quasi 400€ nei confronti dell’azienda, l’importo della bolletta era di oltre 800€. Ho allora controllato la lettura del contatore, che è risultata essere ad Aprile 2013 di ben 1.200mc più bassa di quella stimata nella bolletta a Gennaio 2012 e chiamato il servizio clienti x chiedere spiegazioni. Il servizio clienti mi ha detto che la stima era evidentemente sbagliata e, dato il credito residuo, di non pagare la bolletta perché sarebbe stata adeguata la lettura e riemessa entro 20gg con l’importo corretto e senza nessun onere per l’inconveniente. Purtroppo entro 20gg non mi è arrivata la bolletta corretta ma un sollecito di pagamento per la stessa. Ho quindi chiamato nuovamente il servizio clienti che mi ha detto che si trattava di un altro errore dovuto al fatto che i solleciti partono in automatico e di ignorarlo perché a giorni avrei ricevuto la bolletta corretta. Il pomeriggio stesso ricevo una nuova bolletta che però non è la riemissione corretta della precedente ma una nuova bolletta, anche questa sbagliata, di importo pari a 1.172,13€. Torno quindi a leggere il contatore (che indicava 40.853mc mentre la stima sulla bolletta indicava 42.124mc) e richiamo il servizio clienti spiegando cosa era accaduto e il contenuto delle precedenti due telefonate. L’operatrice si scusa per l’inconveniente e mi dice di non pagare nemmeno questa bolletta perché si trattava di un altro errore ma di aspettare l’emissione di una nuova bolletta a conguaglio che riassuma le precedenti e mi indica il mio numero di pratica che è: T004898144 del 02/05/2013. In attesa di una bolletta che finalmente faccia chiarezza sull’intera faccenda ricevo invece una vostra telefonata che mi avvisa dell’insolvenza riguardo la bolletta che mi era stato detto di non pagare e mi chiede il motivo della stessa. L’operatrice che mi ha contattato credo abbia ben capito dal tono della mia risposta il mio stato d’animo…
Ora io non so come mai, benché abbia ogni volta chiesto che le stime sui consumi venissero adeguate ai reali consumi, continuo a ricevere bollette esorbitanti con stime che sembrano sparate a caso (a non voler pensare male), ne perché divisioni diverse della stessa azienda non si parlano e mentre una mi dice di non pagare l’altra mi intima di farlo, sta di fatto che ormai sono mesi che sono vessato dalla vostra azienda con bollette sbagliate e richieste di pagamenti che non devo, con importi per me importanti versati erroneamente nelle casse della vostra azienda e trattenuti indebitamente senza la concessione degli interessi che l’azienda invece pretende quando ci sono ritardi nei pagamenti delle utenze, chiedo però una risposta definitiva, ufficiale e per iscritto a riguardo che metta la parola fine al mio disagio, riservandomi il diritto di prendere ogni precauzione per tutelare i miei interessi, anche in sede legale, a causa di questa situazione che ormai non sono più disposto a tollerare
In attesa di un vostro gradito riscontro vi saluto e vi auguro buon lavoro,
Francesco G.

  • daniela

    uno schifo …ricevere una bolletta di € 850,00 cHE DICHIARA consumo FASULLO di 824 m cubi di gas… invece dalla mia lettura ne ho consumati solo 176 metri cubi. Dico ma e’ possibile????? ….io non la pago… se arriva la cartella esattoriale vado in televisione su RAI UNO…

  • luigi

    A me vogliono far pagare una bolletta di quasi 700 euro x una fornitura in una casa nella quale non ero nemmeno residente e oltre tutto risulta le io abbia stipulato un contratto cm e possibile se in quel periodo risiede o in Sicilia anziche in quella casa nella prov.di Asti come posso contattare l azienda x una copia del contratto?potete aiutarmi?

  • Matteo

    Ero da anni cliente Italcogim per il contratto domestico del gas metano, prima che questa società venisse acquisita da GDF Suez. Onestamente non ho mai avuto problemi in circa 15 anni.
    A causa di un trasferimento in altra regione per motivi di lavoro ho chiesto di cessare il contratto e disalimentare il contatore nel mese di Ottobre 2014. A seguito di tale richiesta veniva fissato un appuntamento con il tecnico che avrebbe dovuto chiudere materialmente il contatore. Ho fatto notare che al momento non avrei potuto presenziare a tale intervento a causa della distanza del mio attuale luogo di residenza (circa 1000 km!) e che avrei delegato un vicino di casa.
    Sono passati circa 4 mesi, nessuno nel frattempo mi ha contattato da parte di GDF Suez, ero convinto che fosse stato cessato il contratto di fornitura del gas.
    Invece con mia grande sorpresa ecco arrivare un’altra bolletta. Mi collego al sito internet e scopro che l’appuntamento figura ancora in fase di definizione (sic!). Telefono al vicino di casa ed ho conferma che mai nessuno si è fatto vedere per distaccare il contatore.
    Prendo un altro appuntamento con l’operatore del call center GDF Suez ed ancora una volta il tecnico non si presenta.
    Cerco senza successo di sensibilizzare gli operatori GDF Suez ma dopo una lunga serie di telefonate infruttuose e piuttosto frustranti mi trovo costretto a ricorrere all’ausilio di un avvocato.
    E dire che la Legge imporrebbe a GDF Suez di cessare il contratto entro pochi giorni dalla richiesta dell’utente…
    C’è di che meditare!

  • Daniela

    Io mi sono ritrovata collegata con loro senza avere firmato niente..e continuavano ad arrivarmi le bollette loro e dell’enel..non abitavo piu’ la da anni…naturalmente non ho mai pagato niente…avro’ mandato 20 fax e nn so quante telefonate…mi prendevano in giro…ATTENZIONE GENTE..NON E’ UNA COMPAGNIA SERIA…LASCIATE PERDERE..SONO ANDARA ANCHE DAI CARABINIERI…PUNTO

  • akexandrina dumitrescu

    sono disperata….ho lasciato una abitazione in taranto,dove ho il contratto luce,con gdf suez,in 10 giugno e ancora,con nessun mezzo di comunicazione(posta,fax,e-mail),non ho avuto il modulo de chiusura del contratto…..gia,in abitazione ,abitano gli altri inquilini,per le miei spesse di luce,però….dal cool center mi mentono ogni giorno,che mi lo mandano ma io non ricevo nulla….non lo so a chi mi devo rivolgere e che devo fare,con questi ….