UN CASO DI CONCILIAZIONE

 

 

Abbiamo consigliato all’utente di procedere con la domanda di Conciliazione paritetica che si è conclusa positivamente con lo storno dell’importo contestato.

La Redazione

Mi è arrivata sabato una richiesta di recupero crediti e risoluzione del contratto da parte di una società di telefonia mobile. Si trattava di un’utenza con addebito su conto corrente e vincolo di 30 mesi. L’anno scorso, prima di sospendere per passare ad una altra compagnia, nella prima metà del mese di scadenza, avevo telefonato ricevendo l’informazione che, avendo pagato tutte le rate relative al vincolo, avrei potuto interrompere quando volevo, anche perdendo del traffico telefonico già pagato. Così, alla scadenza, sono passata ad una nuova compagnia. Qualche tempo dopo mi arriva una richiesta di pagamento per una  penale di circa 280 euro, con tentativo di addebito  direttamente sul conto: questa bolletta non è stata pagata in quanto avevo sospeso il RID dopo avere pagato l’ultima bolletta relativa al vincolo. Dopo avere telefonato per chiedere chiarimenti, e avere ricevuto la risposta che avevo interrotto il vincolo 3 giorni prima della scadenza (il 16 e non il 19 del mese) e avendo fatto presente che avevo seguito l’indicazione data dagli operatori sia telefonici che del negozio, ho mandato la raccomandata di reclamo.

Resto in attesa di  sapere come procedere.

Cordialità